Data di arrivo
Data di partenza
Ospiti per camera
Adulti Bambini Neonati
fino a 12 anni fino a 3 anni
Convenzione aziendale o codice promo
Inserisci qui il tuo Codice
  • MIGLIOR TARIFFA ONLINE

    Solo su questo sito le migliori tariffe e condizioni

  • OFFERTE E PROMOZIONI

    Scopri le nostre promozioni e scegli l'offerta su misura per te

  • WI-FI GRATUITO

    Wi-fi gratuito in tutta la struttura e nelle camere

  • PARCHEGGIO GRATUITO

    L'Hotel offre un parcheggio esterno e un ampio garage sotterraneo gratuito

Bologna: lasciatevi incantare dalle innumerevoli bellezze della città dei portici

Da sempre importante crocevia tra il Nord e il Sud dell’Italia, Bologna nel corso della storia è stata legata all’influenza di diversi popoli e culture che hanno di volta in volta contribuito allo sviluppo economico e culturale della città.

 

Perdetevi in città percorrendone tutti i meravigliosi portici

Il simbolo che ricorre ovunque in città e che l'ha resa famosa in tutto il mondo sono i suoi portici. Bologna infatti è attraversata da ben 40km di portici, risalenti per lo più al tardo Medioevo. Fu allora che si videro spuntare un po' ovunque queste strutture, che allora venivano utilizzate principalmente dagli artigiani perchè consentivano loro di lavorare con molta più luce ed allo stesso tempo al riparo dal sole d'estate e dalla pioggia d'inverno. I portici più famosi ed antichi sono senz'altro il portico ligneo della Casa Isolani (in Strada Maggiore 19), quello del Palazzo Grassi (in via Marsala 12) ed il portico delle Case Reggiani-Seracchioli (in Piazza della Mercanzia).

Se invece siete tipi atletici ed amate le sfide, potete sempre percorrere il portico più lungo del mondo: quello di San Luca che con i suoi 3.796 metri, parte dalla città e conduce fino al Santuario dedicato alla Madonna di San Luca, sul Colle della Guardia. 

In città però le cose da vedere sono molte, qui di seguito una lista di tutto ciò che non potete assolutamente perdervi in città:

Costruite ad inizio del XII secolo dall’omonima famiglia, oggi sono il simbolo della città. Le due torri sono entrambe pendenti e svettano all’orizzonte su via Rizzoli. A ricordo della funzione commerciale svolta nel medioevo, il portico sottostante oggi accoglie alcune botteghe di artigianato tipico. Imperdibile la salita lungo i 497 scalini della Torre degli Asinelli che offre un panorama mozzafiato sulla città e sui colli bolognesi.

Lo scopo del Palazzo, costruito nel 1562, fu quello di creare una sede unitaria dell’Università, fino allora suddivisa in diverse sedi. Tutto l’edificio è fittamente decorato da iscrizioni e monumenti celebrativi dei maestri dello Studio e da migliaia di stemmi e nomi di studenti. L’edificio rimase la sede dell’Università fino al 1803, per poi diventare la sede della Biblioteca Comunale.

All’interno del Palazzo dell’Archiginnasio è possibile ammirare il Teatro Anatomico, chiamato così per la sua caratteristica forma ad anfiteatro. Progettato nel 1673 per le lezioni anatomiche, è interamente realizzato in legno d’abete e decorato con le statue dei dodici celebri medici e dei venti più famosi anatomisti dello Studio Bolognese.

Considerata “la piazza dei bolognesi”, Piazza Maggiore si trova nel cuore della città e ospita i principali edifici del potere politico e religioso. Dando le spalle alla facciata di San Petronio, ci si trova di fronte il Palazzo del Podestà e il Palazzo Re Enzo, sotto i quali si incrocia il Voltone del Podestà. A sinistra chiude la piazza il Palazzo Comunale, e a destra il Palazzo dei Banchi da cui parte il portico più famoso che collega Piazza Maggiore all’Archiginnasio.

Costruita per volontà del Comune di Bologna nel 1390, la basilica avrebbe dovuto essere un’immensa croce e ognuno dei giganteschi bracci si sarebbe dovuto affacciare su una piazza. Per motivi economici, il progetto fu ridotto e solo il braccio più lungo fu completato. Nonostante ciò, la Basilica di San Petronio rimane una delle chiese più grandi del mondo.

Affacciato sull’omonima piazza, il complesso è conosciuto anche come le “Sette Chiese”. La basilica è, infatti, formata da una complessa e originale articolazione nella quale i diversi edifici sacri, tra loro adiacenti, mirano a ricostruire i luoghi sacri di Gerusalemme. Costruito sulla struttura di un tempio dedicato alla dea Iside, il complesso è stato ridotto da sette a quattro chiese mediante i restauri attuati tra la fine del XIX secolo e i primi decenni del Novecento.

 

Top